Saturday: a magic atmosphere

Bruno Paillard Ice bucket

UN CLASSICO TRA I CLASSICI

Uno dei motivi per cui adoro il sabato è quello di dedicare del tempo a raccogliere i fiori in giardino e metterli in quello che sta diventando il mio vaso preferito. Oggi non ho fatto cose granché complicate perché la bellezza degli ellebori e dei narcisi mi sembrava bastassero. Non particolarmente amante dei mobili antichi, se non di quelli in cui sento un particolare legale, amo sempre di più questo mobile molto “Cortina style” che è stato ridipinto da uno zio. E guardandolo bene proprio oggi mi sono accorta che le sue decorazioni hanno proprio la tonalità degli ellebori.

Chiara Orlando

Advertisements

Chiara’s room e il piatto della settimana: le orecchiette al pomodoro e timo

orecchiette_al_ pomodoro

Gli innumerevoli crostini di San Daniele divorati ieri pomeriggio avrebbero dovuto finire primi in classifica, ma oggi mi sono regalata un piatto di orecchiette con il sugo fatto in casa (da una persona che non ama essere citata) che li ha fatti scendere dalla vetta. Il sugo, seppur naturalissimo e privo di ogni agente di conservazione, era di un colore rosso quasi irreale. Un piatto semplicissimo ed italianissimo. Adoro le orecchiette con le cime di rapa e con le altre verdure, al ragù e in mille altre varianti goderecce. Ma la pasta al pomodoro con un soffritto di cipollotto, peperoncino e due rametti di timo del giardino ha sempre il suo perché.

Chiara Orlando

Un’altra anteprima: la primavera di Antonella Sandron

peonie banner

E    S E    I L   M I O    F I O R E     P R E F E R I T O     F O S S E     L A     P E O N I A?

Settimana di anteprime questa per Chiara’s room. E speriamo sia anche un’anteprima di bel tempo… dopo tutti questi mesi invernali! Ho pensato di deliziarmi e deliziarvi con la vista di qualche acquerello di Antonella Sandron, di cui amo la freschezza con cui lavora. A voi un’anteprima “primaverile” delle sue peonie, il mio fiore preferito in assoluto. Giusto così, per ingolosirvi un po sull’articolo che le dedicherò la prossima settimana.

Chiara Orlando

Giuliano Borghesan: la storia raccontata attraverso le immagini

giuliano borghesan

C O M I N G     U P    S O O N …

La discrezione non è il mio forte, è vero. Ma il motivo per cui oggi ho deciso di pubblicare questa foto non è per la dedica, quanto per questa scrittura. E’ la scrittura di un friulano che di storie ne ha scritte tante senza mai far venir meno fedeltà e passione.
Perchè usare il termine “scrivere” se parlo di un fotografo?  Perché Giuliano Borghesan l’ha proprio scritta la storia con le sue immagini fotografiche.

Chiara Orlando

Chiara’s room e i pezzi di design: Il Saarinen coffee table

Saarinen coffee table

Il piano in marmo di Calacatta oro lo trasforma 

E’ dal 12 febbraio che non pubblico nulla sul blog e oggi ho deciso di porre fine a questa astinenza forzata pubblicando la foto di uno dei pezzi di design che più amo. E’ il tavolino Tulip di Saarinen per Knoll International. E’ uno di quei complementi su cui appoggio al massimo un libro, perché cerco di averne la massima cura.

Sa essere snello e minimale ed in alcuni casi quasi austero. L’arrivo di due candele particolarmente luminose mi ha fatto cedere alla tentazione di vedere che effetto avrebbero dato alle vene dorate e di color grigio. Il risultato è scontato: è diventato subito prezioso. Appoggiando per puro caso la clutch di Stella McCartney ho notato che c’è la stessa delicatissima punta di grigio.

Chiara Orlando

The creativity Challenge: Day 5

watercolor video

Day 5.

Il quinto giorno di creatività lo trovate nel mio account di Instagram. In un breve video mi diverto ad aggiungere la freschezza dell’acquerello ad un’ acquaforte. Enjoy.

http://instagram.com/chiara.orlando2/

Chiara Orlando

The Creativity Challenge: Day 4

IMG_20150211_182029

Day 4.

Non sarebbe male come studio: pochi metri da pulire, caldo e comodo. Pure con vista sul giardino. Un’altro grande vantaggio è che riuscirei facilmente a tenerlo in ordine e da qui potrei inviare Tweets colorati. Peccato solo non essere artisti.

Chiara Orlando