Knoll Inc

Chiara’s room e i pezzi di design: Il Saarinen coffee table

Saarinen coffee table

Il piano in marmo di Calacatta oro lo trasforma 

E’ dal 12 febbraio che non pubblico nulla sul blog e oggi ho deciso di porre fine a questa astinenza forzata pubblicando la foto di uno dei pezzi di design che più amo. E’ il tavolino Tulip di Saarinen per Knoll International. E’ uno di quei complementi su cui appoggio al massimo un libro, perché cerco di averne la massima cura.

Sa essere snello e minimale ed in alcuni casi quasi austero. L’arrivo di due candele particolarmente luminose mi ha fatto cedere alla tentazione di vedere che effetto avrebbero dato alle vene dorate e di color grigio. Il risultato è scontato: è diventato subito prezioso. Appoggiando per puro caso la clutch di Stella McCartney ho notato che c’è la stessa delicatissima punta di grigio.

Chiara Orlando

Harry Bertoia: Inaugurazione “Dalla natura al segno”

harry bertoia

Ho già avuto una soffiata nei giorni scorsi: mi hanno già anticipato che la mostra a Pordenone è splendida e molto curata. Mancano tre ore all’inaugurazione ufficiale e poi potrò godermi un Harry Bertoia meno conosciuto, ma non per questo meno stupefacente. E’ un centenario importante questo e va celebrato. Arieto Bertoia nacque a due passi da qui e ci trascorse l’infanzia. A San Lorenzo, gli amici di Harry Bertoia stanno ultimando gli ultimi dettagli, ma sono sicura che anche la mostra che si tiene nella casa Natale sarà bellissima. Vi invito a vederle entrambe!

Il mio invito per l’inaugurazione è già sul tavolo e mi si sta asciugando lo smalto, che è “rosso Knoll” ovviamente 🙂

Chiara Orlando

Abitare con l’anima: “il superfluo è superfluo”

caminetto

I L    T U T T O   E’   B E N   M E S C O L A T O,   S E N Z A   E C C E S S I 

Ho visto questo appartamento situato in una città del Sud della Francia in un giorno di dicembre insolitamente freddo e ventoso. Si trova in un  palazzo di fine ottocento del centro storico. Una volta saliti i tre piani di scale, mi sono trovata in uno splendido appartamento luminoso, ampio e con soffitti altissimi. E molto ben arredato.

IMG_1168

Un tocco di design firmato Knoll e altri pezzi di gusto scandinavo.

Mi piace il credo dei due proprietari: il superfluo è superfluo quindi non deve esserci.
La superficie dell’appartamento di centocinquanta metri quadri è amplificata da soffitti di quasi quattro metri. Soffitti che in due punti riportano due rosoni in gesso che celebrano il gusto francese del decor e da cui pendono due leggiadre lampade Secto in faggio.

SoggiornoMontpellierSectoOctoOn_1

Spazi molto ambi per questo appartamento dalle grandi metrature e ampi soffitti.

I pavimenti sono di legno jatoba, scuri con qualche nota color miele.

In casa ci sono pezzi di design interessanti. C’è Knoll con la Diamond et la Wire Chair di Harry Bertoia, l’attaccapanni Hang it All di Eames e le simpatiche lampade Fatboy.

Poi c’è un vecchio divano del ’66 di B&B Italia disegnato da Bellini con una scocca futuristica che mi fa sempre pensare ad Arancia Meccanica e Blow up. Il rivestimento blu lo rende ancora piu’ volutamente demodé e anacronistico. Nello stesso spazio c’è un tavolo basso di Sentou e un tappetone in sisal.

IMG_1166

La luce filtra generosa delle ampie vetrate e regala un’atmosfera calda all’ appartamento.

Gli altri pezzi nella zona giorno sono del colosso scandinavo a cui non servono presentazioni. Il tutto è ben mescolato, senza eccessi e senza particolari prese di posizione di un pezzo rispetto ad un altro.
Un’unica parete si fa quinta e divide la cucina bianca. A me questa cucina piace perché è uno di quegli spazi dove so che mi verrebbe voglia di cucinare: IKEA pure lei e a cui riesco addirittura a perdonare l’assenza dello zoccolo e la vista della lavastoviglie non incassata. Details, whatever!

IMG_20140620_145718

Un lungo piano ad “L”percorre le due pareti e si fa piano di preparazione.

Ma a questa casa mancherebbe davvero un po’ d’anima senza i caminetti marmorei disposti vis à vis della zona living. Danno a questo appartamento minimal quella nota “voilà, c’est parfait!” dell’appartamento francese.
Cosa ne penso dei caminetti io? In genere non li amo, ma questi li trovo così belli! Questa è una di quelle cose che noi italiani possiamo invidiare ai cugini d’oltralpe. Ovviamente dopo lo Champagne, il foie gras, e il Louvre… siete liberi di decidere l’ordine che preferite.

20130217_150508

Il bellissimo caminetto in marmo bianco, il tavolo basso di Sentou e il tappetone in sisal.

Vabbè, loro hanno i caminetti in marmo, noi il bidet: giustizia fatta!

Ad eccezione fatta per la macchia blu del divano, la casa ospita solo due colori: il bianco e il nero. Bianco e nero che ritroviamo nella camera da letto di forma pentagonale, luminosa ed accogliente, con un lampadario di Normann Copenhagen.

2014-04-12 14.49.16

La camera da letto di forma pentagonale, luminosa ed accogliente.

E il colore? Il colore i padroni di casa lo guardano nella bella stampa di Matisse e fuori dalle grandi porte finestre che danno sul centro di una città gaia e piena di colore.

Chiara Orlando

E si chiude la “Harry Bertoia week”!

harry

M Y   P E R S O N A L   “D E S I G N    W E E K”

Non potrei chiamarla diversamente questa prima settimana di ottobre dove il nome Bertoia è rimbalzato in lungo e in largo: dal plauso “sociale” che hanno ricevuto i baffi di Leone su Twitter, alla mia visita (finalmente) alla Galleria Harry Bertoia di Pordenone. Chiudo La settimana così, con uno scatto fatto proprio dopo la presentazione di Ashes/ Ceneri dello straordinario Pierpaolo Mittica presso la Galleria Harry Bertoia.

E… seduta nella fantastica Diamond Chair dico: we love you Harry!

Chiara Orlando